La persona più vecchia del mondo

0
361
centenaria
centenaria

Hanno vissuto per più di cento anni.

Chi è e qual’è il segreto della sua longevità?

Quali miti sfatano e cosa possiamo imparare da loro? Vale la pena dare un’occhiata.

Kane Tanaka è nata il 2 gennaio 1903 sull’isola di Kyushu in Giappone ed è attualmente la persona vivente più anziana del mondo. Era la settima e penultima figlia della famiglia. È nata prematuramente. 10 anni dopo, le è stato diagnosticato un cancro al pancreas e il suo trattamento ha richiesto diversi interventi chirurgici. Quando aveva 103 anni, ha subito un intervento chirurgico per rimuovere un tumore dal colon.

Attualmente vive in una casa di cura a Fukuoka, in Giappone. Tutti i giorni si alza alle 6 del mattino e gioca al gioco da tavolo “Otello”, e il pomeriggio fa problemi di matematica. Ama le bevande gassate lo zenzero e il cioccolato. In un’intervista con la televisione giapponese, ha ammesso che le sarebbe piaciuto vivere fino a 120 anni.

Alla domanda su cosa la fa vivere così a lungo, risponde che la famiglia, il sonno, l’alimentazione sana, una visione positiva della vita e un costante allenamento del cervello. Il super bambino è sopravvissuto a due guerre mondiali e due pandemie, ma non gli piace tornare al passato. Vive nel presente ed è curiosa di cos’altro le succederà nella vita.

Porterà la torcia olimpica alle 32esime Olimpiadi di Tokyo, in programma a luglio 2021. Sebbene durante la cerimonia debba essere trasportata su una sedia a rotelle, la coraggiosa vecchia signora si esercita costantemente per fare almeno qualche passo da sola.

Secondo i dati del ministero giapponese della Salute, del lavoro e degli affari sociali, ci sono 80.000 persone nel Paese. centenari. Nel 2020, una persona su 1.565 aveva più di cento anni, l’88% dei quali erano donne. In Giappone, l’aspettativa di vita media di una donna è di 87,45 anni e quella di un uomo di 81,4 anni.

Esistono i Segreti della Longevità?

Per migliaia di anni, le persone hanno cercato di svelare il segreto per vivere una lunga vita. La ricerca sulla longevità mostra che non è affatto un segreto: lo abbiamo riassunto con cinque suggerimenti che puoi utilizzare per vivere più a lungo e sentirti meglio.

Una o due generazioni fa, l’idea di vivere oltre i 90 anni non era realistica. I progressi della medicina moderna ora ci aiutano a sopravvivere a disturbi e malattie comuni che una volta erano fatali, ma è il nostro stile di vita che alla fine fa la differenza.

Se pensi di non avere la longevità dalla tua parte perché i tuoi nonni e i tuoi genitori non hanno vissuto a lungo, non farlo. Il Danish Twin Study ha rilevato che solo il 20% dell’aspettativa di vita è determinata dalla genetica. Il restante 80% dipende dall’ambiente e dallo stile di vita, cose che puoi influenzare!

La chiave per una vita più lunga si trova nelle popolazioni più anziane del mondo

I giapponesi hanno l’ aspettativa di vita più lunga (87,1 anni per le donne e 81,1 anni per gli uomini) di qualsiasi altro paese al mondo. Il Giappone è al primo posto dal 1980, ma nel 1960 la sua classifica era 35 e poi 10 nel 1970. La longevità giapponese è attribuita alla loro dieta, all’eccellente indice di massa corporea (BMI) e solo a piccole quantità di alcol consumate dalle donne di età superiore ai 50 anni.

L’Australia è al sesto posto con l’aspettativa di vita delle donne di 84,8 anni e degli uomini di 81,0 anni. Tra i 40 ei 65 anni, gli uomini australiani sono al primo posto nella classifica mondiale, mentre le donne sono al sesto o settimo posto. La principale causa di morte negli australiani è la malattia coronarica.

Ci sono comunità in tutto il mondo chiamate Blue Zones dove la percentuale più alta di residenti raggiunge i 100 anni di età. Cinque regioni in Sardegna, Grecia, Costa Rica, California e Giappone sono state studiate per trovare nove denominatori comuni che potrebbero contenere la chiave per vivere più a lungo. Questi studi hanno dimostrato che l’aspettativa di vita più lunga si basa su fattori di stile di vita comuni tra cui dieta, esercizio fisico, peso corporeo, vita sociale ed evitare fattori di rischio come il fumo e l’alcol.

Come vivere più a lungo: i nostri consigli per vivere il più a lungo possibile

Estendere l’aspettativa di vita potrebbe non essere un obiettivo utile a meno che non si migliori anche la qualità del proprio stile di vita e della propria salute. Nessuno vuole semplicemente prolungare la propria vita senza mantenere la qualità della vita. La ricerca mostra che queste cinque abitudini di vita salutari possono sia migliorare la quantità che la qualità della vita. Allora, cosa possiamo fare per vivere più a lungo?

# 1 Mantieni un peso corporeo sano

Vivere una vita sana può dipendere dal peso corporeo e dall’indice di massa corporea (BMI). La pressione sugli organi del corpo aumenta con ogni chilo di peso in eccesso.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che il BMI dovrebbe essere compreso tra 18,5 e 24,9 kg m − 2 per una salute ottimale. Le categorie standard di BMI sono 18,5–24,9 per il peso normale, 25–29,9 per il sovrappeso e> 30 per l’obesità. L’OMS ha riferito che il BMI medio è aumentato negli uomini e nelle donne tra il 1975 e il 2016. In Australia nel 2016, il 29% degli adulti era obeso con un BMI> 30.

Un BMI nelle categorie sovrappeso e obeso ha un forte legame con lo sviluppo di diabete di tipo 2, malattie cardiovascolari, ipertensione, colelitiasi e altre malattie croniche negli uomini e nelle donne. Le persone magre e fisicamente attive hanno il rischio più basso di malattie croniche e mortalità. Ma essere magri non basta, è l’aggiunta dell’attività fisica a fornire la protezione secondo uno studio riportato dall’US National Center for Biotechology Information (NCBI).

Tuttavia, l’IMC è stato oggetto di esame negli ultimi anni perché non è una misura accurata per alcuni individui. Un body builder muscolare può avere un BMI di 30 ma pochissimo grasso corporeo. Qualcuno che ha perso massa muscolare può essere nella gamma normale ma avere un’alta percentuale di grasso corporeo. Il BMI inoltre non tiene conto della distribuzione del grasso e il grasso in eccesso in alcune parti del corpo è più pericoloso di altri.

Il grasso addominale è riconosciuto come il tipo di grasso più dannoso. Esistono due tipi di grasso addominale: sottocutaneo e viscerale. Il grasso sottocutaneo si trova sotto la pelle dove non è troppo dannoso, tuttavia il grasso viscerale è quello pericoloso. Queste cellule adipose rilasciano prodotti metabolici nel flusso sanguigno che vengono consegnati al fegato. Gli acidi grassi liberi si accumulano quindi nel cuore, nel pancreas e in altri organi. Questi organi non sono progettati per immagazzinare il grasso, quindi porta a disfunzioni che causano problemi con la regolazione dei livelli di insulina, zucchero nel sangue e colesterolo.

Il tuo rapporto anca / peso dovrebbe essere tenuto sotto controllo. Per calcolare, stare in piedi e misurare l’addome all’ombelico rilassato, quindi misurare i fianchi nel punto più largo e dividere il girovita per l’anca o utilizzare questo calcolatore online . Un rapporto superiore a 0,8 indica che sei a maggior rischio di malattie cardiache e diabete.

# 2 Goditi un esercizio fisico regolare ogni giorno

Vivi più a lungo se ti alleni? Sì! L’esercizio è un modo comprovato per mantenere il tuo indice di massa corporea in un intervallo sano e rimanere in buona salute e un ottimo modo per aumentare le tue possibilità di arrivare a 90 anni e oltre.

 

Uno dei nove tratti comuni dei residenti di Blue Zones è che “si muovono naturalmente” ogni giorno . Muoversi in modo naturale significa che non fanno esercizio eccessivo come correre le maratone, ma si muovono senza pensare durante il giorno. Si prendono cura del loro giardino e lavorano nelle loro case e nei loro cortili. Si pensa che questo esercizio occasionale sia meglio per te che impegnarti in sessioni di palestra faticose o correre su lunghe distanze.

In effetti, un esercizio eccessivo è dannoso in termini di preservazione del corpo. Un esercizio eccessivo porterà a danneggiare ginocchia, fianchi e articolazioni. The Blue Zones consiglia di lavorare tutte le parti del corpo con un certo rigore in modo da respirare pesantemente e sudare per cinque-dieci ore a settimana. Ciò equivale a nuotare, correre, camminare o andare in bicicletta da 30 a 40 minuti a giorni alterni e due ore nel fine settimana.

L’esercizio fisico regolare non fa bene solo al corpo ma anche al cervello. Gli studi hanno dimostrato che l’esercizio migliora il nostro umore e diminuisce i sentimenti di depressione, ansia e stress.

L’esercizio mantiene anche i nostri muscoli e le nostre ossa in buone condizioni di lavoro. Con l’avanzare dell’età, perdiamo naturalmente massa muscolare e funzionalità che possono portare a lesioni o disabilità. Esercitando regolarmente, riduci la perdita muscolare, costruisci la densità ossea e mantieni la forza. L’attività fisica può anche migliorare la sensibilità all’insulina, l’idoneità cardiovascolare e diminuire la pressione sanguigna e i livelli di grasso.

Mangia una dieta sana ed equilibrata

Può mangiare sano farti vivere più a lungo? Decisamente!

Mangiare bene ti assicura di mantenere basso il tuo peso e il tuo grasso corporeo, ma fornisce anche al tuo corpo le vitamine e i minerali di cui ha bisogno per una vita lunga e sana.

La tua dieta dovrebbe essere ricca di verdura, frutta, cereali integrali, grassi sani e calcio. L’assunzione minima raccomandata è di due frutta e cinque verdure al giorno. Scegli una gamma di colori per frutta e verdura per assicurarti di ricevere l’intera gamma di vitamine e minerali. Limita l’assunzione di carne rossa a favore del pollo tagliato e consuma pesce due volte a settimana. Non carbonizzare o cuocere troppo la carne in quanto aumenta gli agenti cancerogeni.

Prova a mangiare molte fonti vegetali di proteine ​​come noci e fagioli. Le piante sono gli alimenti migliori da mangiare se vuoi vivere più a lungo. Scegli cereali integrali piuttosto che cereali raffinati come il pane bianco e limita le patate bianche.

 

I residenti di Blue Zones mangiano molto nero, fave, semi di soia e lenticchie. La loro dieta è principalmente vegetale, quindi il loro consumo di carne è basso, circa cinque volte al mese. Mangiano principalmente maiale magro con una porzione non più grande di un mazzo di carte.

Uno dei nove comandamenti è che le persone che vivono nelle zone blu mangiano solo fino a quando il loro stomaco non si sente pieno all’80%. È il 20% che non mangiano che tiene sotto controllo il loro peso. Mangiano anche il pasto più piccolo della loro giornata nel tardo pomeriggio o in prima serata e non mangiano più quel giorno. Il loro motto potrebbe essere mangiare di meno, vivere più a lungo.

# 4 Continua a fare buone connessioni sociali

Se vuoi vivere il più a lungo possibile, è importante mantenere forti legami e relazioni sociali. Con l’avanzare dell’età, può diventare più difficile uscire e vedere gli amici esistenti. Anche incontrare nuove persone può diventare difficile. Ci sono problemi di trasporto quando le persone anziane smettono di guidare e la loro rete sociale può ridursi a causa di morti e altri cambiamenti di vita. È possibile che figli e nipoti non visitino spesso a causa della distanza e degli impegni.

Tuttavia, mantenendo un forte social network comune alla maggior parte dei residenti nelle zone blu. Molte di queste comunità hanno un forte legame con la loro fede e visitano regolarmente la chiesa dove si connettono con volti familiari e mantengono una sana vita sociale.

La ricerca ha anche dimostrato che ci sono benefici fisici nel rimanere in contatto. Abbassare la pressione sanguigna, un sistema immunitario più forte e possibilmente una ridotta infiammazione possono essere il risultato di essere felici con altre persone.

La scelta dell’alloggio può essere influenzata dalla necessità di rimanere in contatto. Piuttosto che rimanere da soli nella casa di famiglia, trasferirsi in un villaggio per anziani o in una struttura di assistenza darà alle persone anziane un contatto quotidiano con gli assistenti e gli altri residenti.

# 5 Bevi meno alcol

Uno dei consigli più importanti per vivere una lunga vita senza malattie è limitare il consumo di alcol. La cultura australiana del bere sociale pesante potrebbe essere divertente, ma il nostro consumo di alcol sta mandando alcuni di noi a una tomba prematura. Una delle nove abitudini della Zona Blu è il vino alle 17:00. La maggior parte delle persone che vivono nelle zone blu non beve più di 1-2 bicchieri di vino al giorno con il cibo.

 

Le donne giapponesi più anziane (di età superiore ai 50 anni) consumano pochissimo alcol, uno dei motivi principali della classifica della longevità numero uno del Giappone. Le femmine di età superiore ai 70 anni in una delle zone blu – Okinawa in Giappone – sono la popolazione più longeva al mondo.

L’alcol può causare una serie di malattie e cattive condizioni di salute. La cirrosi epatica e gli incidenti stradali sono i principali rischi per la salute causati dall’eccessivo consumo di alcol, tuttavia i ricercatori l’hanno collegata a 60 malattie.

I principali problemi di salute causati dal consumo di alcol cronico includono:

Anemia: i globuli rossi che trasportano ossigeno sono difettosi e distrutti prima della loro naturale durata di vita nei forti bevitori.

Cancro: non solo un tipo di cancro, si ritiene che il consumo eccessivo di alcol contribuisca ai tumori della laringe, della faringe, della bocca, dell’esofago, del fegato, della mammella e dell’area del colon-retto. In combinazione con il fumo, i forti bevitori sono a livelli di rischio molto elevati.

Malattie cardiovascolari: infarto e ictus sono comuni nei forti bevitori perché le piastrine si aggregano per formare coaguli di sangue. La cardiomiopatia è un’altra condizione comune del consumo di alcol in cui il muscolo cardiaco è indebolito e ha il potenziale per fallire.

Cirrosi: una cicatrizzazione del fegato al punto che non può funzionare. Le bevitrici femminili sono più vulnerabili degli uomini.

Insomma

I segreti per una lunga vita non sono così segreti. Mangia bene, fai esercizio fisico regolarmente, lavora per costruire una forte vita sociale potresti ritrovarti a goderti il ​​tuo 90 ° compleanno e oltre!

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here