Ronaldinho in carcere in Paraguay

0
882
Ronaldinho

Accusato con suo fratello di aver usato passaporti falsi, per questo Ronaldinho è stato arrestato in Paraguay.

L’ex nazionale brasiliano era presente in Paraguay per promuovere un libro e partecipare ad eventi di beneficenza. Ma dal suo arrivo di mercoledì, ha trascorso più tempo in tribunale che nelle librerie di Asunción.

Ronaldinho e Robert Assis, suo fratello, sono stati presi in custodia ad Asuncion su richiesta del procuratore generale del Paraguay, che ha emesse un mandato di arresto dopo aver inizialmente rilasciato l’ex calciatore brasiliano. Ronaldinho e suo fratello sono stati arrestati all’aeroporto in possesso di passaporti falsi.

Da parte sua, il ministro dell’Interno del Paraguay ha chiarito che durante una perquisizione nella camera d’albergo sono stati effettivamente trovati ai due uomini passaporti falsi, che sarebbero stati dati a Ronaldinho e Robert Assis da un agente brasiliano. L’avvocato del campione del mondo del 2002, grida allo scandalo, ripetendo che quest’ultimo non aveva bisogno di usare un passaporto falso poiché aveva un vero passaporto a suo nome.

Ad ogni modo, nel dicembre 2018, un tribunale del suo paese gli aveva confiscato il passaporto dopo essere stato multato per 2,5 milioni di dollari per aver costruito, senza autorizzazione, un molo su un lago in un’area protetta – una multa che non ha mai pagato, secondo i media brasiliani.

Sabato, dopo una prima notte in prigione, la loro custodia cautelare è stata confermata da un altro giudice, che ha stabilito che i rischi di fuga erano troppo alto per lasciare l’ex calciatore in libertà.

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here