Quali sono le patologie gravi che richiedono terapie salvavita?

salvavita, le medicine che curano malattie oncologiche, Aids, epilessia e particolari patologie neurologiche, malattie rare, tesaurismosi ) dove alcuni farmaci entrano ed escono anche su base annuale.

Quali sono le patologie gravi?

Quali sono le gravi patologie

  • ACROMEGALIA e GIGANTISMO.
  • AFFEZIONI DEL SISTEMA CIRCOLATORIO.
  • ANEMIA EMOLITICA ACQUISITA da AUTOIMMUNIZZAZIONE.
  • ANORESSIA NERVOSA, BULIMIA.
  • ARTRITE REUMATOIDE.
  • ASMA.
  • CIRROSI EPATICA, CIRROSI BILIARE.
  • COLITE ULCEROSA e MALATTIA DI CROHN.

Chi certifica le terapie salvavita?

La certificazione medica può essere redatta dallo specialista di branca di struttura sanitaria pubblica o privata accreditata, dal medico di famiglia (contratti che lo prevedono) e dall'ASL (particolarmente nel caso delle terapie assimilabili e nei casi controversi sulla natura di trattamento "salvavita o assimilabile" ...

Cosa significa patologia grave che richiede terapia salvavita?

Certificato Malattia: terapie salvavita

Con il termine terapie salvavita si identificano le cure indispensabili a mantenere in vita una persona a prescindere dalla qualità stessa del farmaco, che può essere salvavita per una determinata patologia mentre per un'altra no.

Chi certifica la grave patologia?

?La certificazione medica prodotta dal dipendente deve, pertanto, contenere l'indicazione della grave patologia e della relativa terapia che deve essere effettuata, e deve essere rilasciata dalla competente Struttura Sanitaria PubblicaUfficio di Medicina Legale o equiparato-.

Cosa si intende per terapie salvavita?

In senso letterale, si può parlare di terapia salvavita quando vi sia un ?pericolo di vita? immediato e concreto ovvero procrastinato, ma altrettanto certo o fortemente probabile: sono terapie salvavita quelle praticate in rianimazione, ma anche quelle che se non assunte espongono certamente alla morte.

Come funziona la malattia salvavita?

Hanno diritto allo scorporo dal periodo di comporto dei giorni di assenza per malattia, in caso di ?patologie gravi che richiedano terapie salvavita ed altre ad esse assimilabili? tutti i lavoratori dipendenti, i cui rispettivi Contratti Collettivi Nazionali di lavoro prevedono tale beneficio.

Quali malattie non sono soggette a visita fiscale?

Quali sono le malattie che esonerano la visita fiscale?

  • Emorragie severe, infarti d'organo;
  • Stati vegetativi di qualsiasi etiologia;
  • Insufficienza renale;
  • Trapianti di organi vitali;
  • Insufficienza respiratoria acuta anche su base infettiva (polmoniti e broncopolmoniti severe, ascesso polmonare, fibrosi cistica, ecc);

Cosa significa stati patologici?

Che si verifica in condizioni morbose, o comunque abnormi, o ha riferimento a queste: stato p.; condizioni p.; fenomeno p.; quadro patologico.

Quanti giorni di malattia per tumore?

Questi ultimi infatti, se costretti a sospendere anche solo temporaneamente l'attività lavorativa a causa della patologia e delle terapie oncologiche, hanno diritto all'indennità di malattia (massimo 61 giorni/anno) ed eventualmente all'indennità di degenza ospedaliera (massimo di 180 giorni/anno).

Quanto dura la grave patologia?

Pertanto, alla luce della norma in questione, i giorni di assenza per ?grave patologia? non concorrono alla determinazione del conteggio dei giorni di malattia nel periodo di comporto (18 mesi + 18 mesi per il personale a Tempo Indeterminato; 9 mesi o 30 giorni per il personale a Tempo Determinato: artt.

Come certificare una patologia?

In questi casi bisogna rivolgersi al proprio medico specialista per il rilascio del certificato che attesti la diagnosi e con questo certificato recarsi a uno sportello Cup della propria Azienda Usl per la registrazione nell'elenco degli assistiti esenti e per la stampa dell'attestato di esenzione.

Quali sono le patologie invalidanti?

Dalle aritmie cardiache all'obesità, dal diabete alla depressione, dal disturbo bipolare alle neoplasie: sono davvero numerose le malattie e le menomazioni alle quali l'Inps ricollega una determinata percentuale d'invalidità.

Quanti mesi di malattia si possono fare in tre anni?

6 mesi, per anzianità di servizio fino a 3 anni compiuti; 9 mesi, per anzianità di servizio oltre i 3 anni e fino ai 6 anni compiuti; 12 mesi, per anzianità di servizio oltre 6 anni.

Chi manda i controlli durante la malattia?

Il datore di lavoro ha diritto a richiedere il servizio di controllo medico fiscale nei confronti dei suoi dipendenti sin dal primo giorno di malattia, al fine di verificare lo stato di salute dei propri dipendenti.

Cosa succede se non ci sono alla visita fiscale?

In caso di mancata presenza alla visita fiscale cosa accade? Il medico fiscale rilascia un avviso con cui avvisa il lavoratore di non averlo trovato in casa e lo invita entro il giorno successivo (a patto che non sia festivo) a recarsi presso l'ambulatorio per la visita in oggetto.

Chi fa il certificato medico per depressione?

In caso di malattia il lavoratore affetto da depressione deve far pervenire l'apposita certificazione telematica all'Inps, attraverso il proprio medico curante o la struttura sanitaria presso la quale si trova in cura.

Cosa spetta a chi fa chemioterapia?

L'indennità di accompagnamento spetta alle persone che sono sottoposte a chemioterapia o ad altre terapie in regime di day hospital purché, tuttavia, sussistano i requisiti previsti dalla legge ovvero l'impossibilità di deambulare senza l'aiuto permanente di un accompagnatore o la necessità di assistenza continua nel ...

Quanti giorni di malattia spettano a un docente a tempo indeterminato?

Pertanto i docenti\ATA con contratto a tempo indeterminato, possono assentarsi dal lavoro per malattia per 18 mesi conservando il posto. Ai fini del computo dei 18 mesi vanno considerate tutte le assenze per malattia intervenute nell'ultimo triennio.