Da dove deriva la parola pleiotropia?

La pleiotropia (dal greco pleion ?????? - "molteplice", e tropein, ????? - "cambiamento") è un fenomeno genetico per il quale un unico gene determina effetti fenotipici multipli, a prima vista, anche non correlati fra di loro.

Che cosa significa Pleiotropia?

pleiotropia Fenomeno per cui uno stesso gene manifesta più effetti fenotipici distinti. Quando un gene è pleiotropico si assume che esso determini caratteri fenotipici, almeno all'apparenza, non correlati tra di loro.

Che cos'è la Pleiotropia utilizzando come esempio la PKU?

Un allele che abbia più effetti fenotipici distinti è detto pleiotropico . Un comune esempio di pleiotropia riguarda l'allele responsabile della colorazione del pelo dei gatti siamesi, con le estremità più scure del resto del corpo; lo stesso allele è responsabile anche dei caratteristici occhi strabici dei siamesi.

Che cosa si intende per Epistasi?

Interazione tra geni non allelici che determina una situazione in cui un gene (detto epistatico) modifica la manifestazione di un altro gene (detto ipostatico) situato in un locus differente dello stesso cromosoma.

Come si chiamano i caratteri regolati da più di due alleli?

Si parla di allelia multipla, detta anche poliallelia, quando a un solo carattere fenotipico corrispondono più di due alleli dello stesso gene.

Che cosa sono i caratteri Poligenici?

Caratteri controllati da due o più cop- pie di geni sono detti poligenici. Caratteri che oltre ad essere controllati da più geni sono anche fortemente influenzati dall'ambiente vengono definiti multifattoriali.

Qual è il genotipo di una femmina portatrice sana?

Per le femmine esistono invece tre genotipi diversi: ? genotipo XX per le femmine sane; ? genotipo XX per le femmine sane, ma portatrici dell'allele mutato; ? genotipo XX per le femmine malate che hanno avuto la condizione rara e la sfortuna di ereditare da entrambi i genitori gli alleli mutati.

Quando un gene influenza più fenotipi si parla di epistasi?

L' epistasi è un fenomeno per cui un gene influenza l'espressione fenotipica di un altro gene. Per evidenziare un fenomeno epistatico è conveniente studiare la progenie che si forma dall'incrocio di due diibridi.

Cosa si intende per Codominanza?

codominanza In genetica, fenomeno per cui due alleli di un locus genico si esprimono fenotipicamente nell'eterozigote perché entrambi in grado di dirigere la sintesi di un prodotto proteico attivo. Per es., gli uomini di gruppo sanguigno AB esprimono sia l'allele 1A sia l'allele 1B (? gruppo).

Quando un allele maschera gli effetti di un altro allele si dice che è?

A volte l'effetto di un'interazione genica consiste nel fatto che un gene maschera e nasconde l'effetto di un altro gene su un locus differente; questo fenomeno è detto epistasi.

Quando incrociando due eterozigoti si ottiene il rapporto fenotipico 3 1 significa che?

Incrociando nuovamente due individui della prima generazione, detti anche generazione parentale o genitori (che ora sappiamo essere eterozigoti), il monaco notò che si presentava nuovamente il carattere recessivo (nell'esempio il colore dei fiori bianco), in rapporto 3:1.

Perché il colore della pelle e trasmesso con ereditarietà poligenica?

Molti caratteri umani, come il colore della pelle, l'altezza, l'iride degli occhi, variano all'interno della popolazione senza presentare chiare suddivisioni proprio a causa dell'elevata quantità di geni coinvolti la cui minima variazione comporta un lieve cambiamento fenotipico.

Che cosa accade quando due geni sono associati?

I geni localizzati uno vicino all'altro sullo stesso cromosoma si chiamano geni associati (concatenati, in linkage) e fanno parte del medesimo gruppo di linkage o di associazione.

Come si spiega la terza legge di Mendel?

Questi risultati indussero Mendel alla formulazione di quella che è nota come terza legge di Mendel o legge dell'assortimento indipendente dei caratteri: durante la formazione dei gameti, geni diversi si distribuiscono l'uno indipendentemente dall'altro.

Che cosa si intende per dominanza incompleta?

In genetica, si parla di dominanza incompleta, quando nessuno dei due alleli (per un carattere) è dominante sull'altro. Il fenotipo manifestato dall'eterozigote è un fenotipo intermedio tra quelli dei due omozigoti.

Quali delle seguenti malattie rappresenta un esempio di eterogeneità genetica?

Ne sono esempi l'albinismo e la fenilchetonuria. Gli stessi o simili sintomi clinici derivano da mutazioni diverse in uno stesso locus genico, cioè da una e. allelica o intralocus, ciascuna delle quali può inibire o alterare l'espressione del gene.

Che differenza c'è tra dominanza completa incompleta e codominanza?

La dominanza completa è quando l'allele dominante ha lo stesso effetto fenotipico sia nella forma eterozigote che in quella omo. ... La codominanza (espressione di entrambi gli alleli) è diversa dalla dominanza incompleta (espressione di un carattere intermedio). Pleiotropia: i geni influenzano più di un carattere.

Che differenza c'è tra codominanza e dominanza incompleta?

Anche la codominanza è una situazione in cui nessuno dei due alleli dell'individuo diploide è definibile dominante o recessivo, ma, a differenza della dominanza incompleta, il fenotipo dell'ibrido F1 risulta essere la somma esatta dei fenotipi dei genitori, in quanto gli alleli si comportano in maniera indipendente l' ...

Come si eredita il gruppo sanguigno?

Il gruppo sanguigno è determinato geneticamente ed è ereditato sia dalla madre che dal padre. I gruppi sanguigni sono quattro: A, B, AB e 0 (zero) e ciascuno di essi è identificato in base alla presenza di alcune sostanze (antigeni A e B) sulla superficie dei globuli rossi.

Cosa sono i caratteri quantitativi?

La genetica quantitativa è lo studio dei caratteri quantitativi, cioè quei caratteri di una popolazione che possono essere indagati mediante parametri numerici, tali caratteri vengono anche detti poligenici, cioè trasmessi da più geni, pertanto non seguono le regole della trasmissione mendeliana e presentano una ...

Che cosa sono i quadrati di punnett Come si costruiscono?

Per fare il quadrato di Punnet si disegna un quadrato dove si distribuiscono tutte le possibili combinazioni (genotipiche e fenotipiche). ... Prima di utilizzare il quadrato di Punnet sarebbe molto utile conoscere la regola dei fenotipi e dei genotipi.

Dove si trovano i trasposoni?

E' presente in tutti gli organismi ed in alcuni (incluso l'uomo) costituisce una frazione cospicua del genoma. I trasposoni sono elementi mobili che si trovano nel genoma di tutti gli organismi. Sono in grado, con meccanismi diversi, di saltare da un punto all'altro del genoma.

Qual è il genotipo di un femmina daltonico?

L'altra metà delle femmine eredita invece un cromosoma X con l'allele per il daltonismo sia dal padre sia dalla madre. Queste donne saranno quindi daltoniche, poiché possiedono due copie ddll'allele recesrivo e manifestano il carattere corrispondente.

Cosa succede se una donna portatrice sana dell emofilia si unisce con un uomo sano che probabilità di malattia avranno i loro figli?

Se la donna è portatrice sana

La donna portatrice sana può trasmettere il gene dell'emofilia ai figli (sia maschi sia femmine) con una probabilità del 50%. Quando il cromosoma X materno alterato si unisce al cromosoma Y paterno, il bambino che nascerà sarà maschio e inevitabilmente ammalato di emofilia.

Come deve essere il genotipo di un individuo che manifesta un fenotipo recessivo?

L'insieme degli alleli che determinano un carattere è detto genotipo , mentre la caratteristica osservabile che essi determinano è detta fenotipo . Se i due alleli del genotipo sono uguali, l'individuo è omozigote . ... In generale, un allele è recessivo se non si manifesta nel fenotipo dell'eterozigote.