Da dove deriva la parola colloide?

Kolloide; ingl. colloids). - Il nome colloide deriva dal greco ?????. Esso è servito in origine a indicare certe sostanze, come la gomma arabica, la gelatina, l'amido, ecc., che avevano in comune l'assoluta mancanza di forma cristallina e davano soluzioni speciali, ...

Che cos'è un colloide?

1. agg. Propr., simile a colla: sostanza c. (o colloide s. f.), in fisiologia, sostanza gelatinosa presente nelle vescicole, o follicoli, della ghiandola tiroide e contenente l'ormone tiroxina, oltre a mucoproteine ed enzimi.

Perché la nebbia è un colloide?

Se la fase disperdente è gassosa, si parla di nebbia quando la fase dispersa è liquida e di fumo se è solida. Un colloide è una sostanza che si trova in uno stato finemente disperso, intermedio sotto il profilo dimensionale tra la soluzione e la dispersione.

Come si forma un colloide?

Il colloide (da ?colla? e suffisso-oide, forma) è una sostanza che si trova in uno stato finemente disperso, a metà tra una soluzione omogenea e una dispersione eterogenea. Colloide: è una miscela costituita da particelle con dimensione al di sotto di 200 nm (nanometri).

Come vengono classificate le dispersioni?

Se la fase disperdente è gassosa, si parla di aerosol quando la fase dispersa è liquida e di aerosol solido se è solida. Se la fase disperdente è solida, si parla di schiuma solida quando la fase dispersa è gassosa, di gel quando la fase dispersa è liquida e di sol solido se la fase dispersa è solida.

Cosa significa dispersione di corrente?

Con dispersione corrente elettrica si indica il fenomeno della perdita della carica elettrica da parte di un conduttore carico isolato.

Cosa vuol dire dispersione?

Il disperdere o disperdersi; l'essere disperso: la d. del popolo ebreo (storicamente detta diaspora); d. del patrimonio; d. della proprietà terriera, frammentazione della terra in molte piccole proprietà; d.

Come riconoscere un colloide?

I colloidi sono miscugli le cui particelle hanno dimensioni intermedie tra quelle di una soluzione e quelle di una sospensione, comprese cioè tra 1nm e 100 nm (= da 1 decimillesimo ad 1 decimilionesimo di centimetro; sono per questo visibili all'ultramicroscopio).

Come si chiamano le parti che compongono i colloidi?

Sono infatti da consi- derare dei colloidi: il citoplasma delle cellule, la gelatina, l'albume dell'uovo, i budini. Se per esempio osserviamo un uovo fresco noteremo che l'albume si presenta con un aspetto liquido e il tuorlo sembra, invece, avere una consistenza solida.

Che cosa sono i colloidi del terreno?

Sono le particelle più piccole che compongono il suolo e sono invisibili al normale microscopio. Derivano dalla massima disgregazione dei minerali e dalla decomposizione della sostanza organica. ... Sono prevalenti nel suolo e la loro carica negativa determina il potere adsorbente del terreno.

Qual è la differenza tra soluzione colloidale ed emulsione?

Il differenza fondamentale tra colloide ed emulsione è quello il colloide può formarsi quando qualsiasi stato della materia (solido, liquido o gas) si combina con un liquido mentre l'emulsione ha due componenti liquidi che sono immiscibili tra loro.

Cosa sono i colloidi nel vino?

I vini contengono sostanze mucillaginose che agiscono da colloidi protettori. Il fenomeno è ben conosciuto nei vini rossi, la cui sostanza colorante colloidale ed i tannini si oppongono alla precipitazione dei sali dell'acido tartarico; con le filtrazioni strette queste sostanze vengono eliminate.

Come si separano i colloidi?

Le particelle colloidali non si depositano con apprezzabile velocità nel mezzo in cui sono disperse, non si possono filtrare e non si possono separare allo stato cristallino, ma allo stato amorfo.

Che cosa sono le soluzioni?

In chimica, si definisce soluzione una miscela omogenea in cui una o più sostanze sono contenute in una fase liquida o solida o gassosa; contiene particelle diverse mescolate e distribuite in modo uniforme nello spazio disponibile in modo che ogni volume di soluzione abbia la medesima composizione degli altri.

Che cosa è un miscuglio eterogeneo?

Mentre le sostanze pure sono materiali che hanno la stessa composizione e le stesse proprietà in ogni loro parte, un miscuglio eterogeneo è un insieme di due o più sostanze che, pur essendo mescolate fra di loro, conservano ciascuna le proprie caratteristiche e si distinguono a occhio nudo o col microscopio.

Quali fattori possono indurre il passaggio da stato di Sol a quello di gel in un sistema colloidale?

UN SOL È UNA DISPERSIONE FINISSIMA DI PARTICELLE SOLIDE IN UN LIQUIDO (EFFETTO TYNDALL). ... ANCHE LA TEMPERATURA PUÒ DETERMINARE IL PASSAGGIO DA SOL A GEL E VICEVERSA.

Che miscugli sono i colloidi?

I colloidi sono miscugli costituiti da particelle solide o liquide, con diametro compreso tra 5 e 200 nm, disperse in un fluido (liquido o gas). ... Se la fase disperdente, liquida o gassosa, è in quantità maggiore della fase dispersa solida di dimensioni ultramicroscopiche, si ha un sol (termine derivato da soluzione).

Quali sono i Cristalloidi?

Un cristalloide è una sostanza non colloidale, capace, in soluzione, di diffondersi facilmente attraverso una membrana semipermeabile, come nella dialisi. L'opposto fisico di un cristalloide è un colloide, sostanza che non si dissolve e non forma vere soluzioni.

In quale sistema non si osserva l'effetto Tyndall?

Effetto Tyndall: definizione e spiegazione

L'effetto Tyndall è un fenomeno che riguarda i colloidi. Quando un raggio di luce viene fatto passare attraverso un liquido puro o una soluzione vera, il suo percorso non è visibile lateralmente perché le particelle in soluzione sono troppo piccole per disperdere la luce.