Dopo 58 Interventi E’ Diventato Il Ken Umano. Ecco Come Si E’ Ridotto

Le sue foto hanno fatto il giro del web. Ormai tutti conoscono il Ken Umano, all’anagrafe Rodrigo Alves, 33 anni, che ha speso già oltre 450mila euro per somigliare al celebre giocattolo di plastica della Mattel.

Rodrigo è stato ieri ospite di Barbara D’Urso a Domenica Live, che ha fatto registrare ottimi ascolti all’esordio di questa nuova stagione. Il Ken ha raccontato alla conduttrice tutta la sua vita e la trafila che ha dovuto fare per diventare ciò che è oggi e alla fine non poteva mancare il siparietto con Rodrigo che ha ufficialmente invitato a cena la D’Urso dopo aver ovviamente controllato che il decoltè fosse naturale.

Rodrigo si è sottoposto a 58 interventi di chirurgia, dall’addominoplastica, alla rinoplastica, fino ad arrivare al lifting facciale, tutto per somigliare il più possibile a una bambola.

Ma gli ultimi 3 interventi, al naso, avvenuti a distanza molto ravvicinata tra loro, hanno causato la distruzione dei tessuti. Già una volta, al ragazzo andò bene, visto che rischiò di perdere la vita a causa di un intervento andato male. Ma quella disavventura non lo fermò e lui ha continuato ad andare in giro per il mondo a farsi operare.

Ha subito 3 interventi di rinoplastica nell’arco in 15 mesi e ciò ha causato grossi problemi. Alcuni sono sorti dopo qualche settimana, infatti, dopo aver accusato difficoltà respiratorie si è rivolto ad un medico, il dottor Paul Nassif. Gli interventi subiti dal Ken umano, hanno affinato talmente tanto il naso, che il medico ha riscontrato anche delle serie difficoltà ad introdurre un otoscopio.

“Avendo subito tre interventi così ravvicinati, il suo tessuto è stato completamente distrutto. Cercare di mettere la pelle ancora una volta sotto stress mentre è in fase di guarigione potrebbe farla degenerare fino al punto da non consentire più una sutura dei tessuti. Questo potrebbe significare un loro allentamento fino a farli “scivolare” verso il basso” – ha dichiarato il medico.

Insomma, il responso del medico è stato chiaro: sottoporre Ken ad un altro intervento per migliorare la sua situazione respiratoria è molto pericoloso, perchè il naso potrebbe addirittura cedere. Per la prima volta Ken è apparso molto preoccupato ed è scoppiato in lacrime: “Voglio piangere. Sono estremamente preoccupato” – ha dichiarato.